HACCP

Certificazione Haccp per la sicurezza alimentare

HACCP acronimo di Hazard-Analysis and Critical Control Points

Comunemente definito come HACCP tra gli operatori del settore, sia tra le imprese che i professionisti.

Ma cosa significa Haccp?

L’HACCP (Certificazione HACPP per la sicurezza alimentare) è un protocollo che ha l’intento di prevenire la possibilità di contaminazione degli alimenti  attraverso un corretta valutazione dei rischi adottando le corrette  misure di prevenzione e protezione coadiuvati dagli opportuni controlli a monte e a valle di una filiera  agroalimentare.

Il Sistemcertificazione haccp per sicurezza alimentareHACCP è nato negli Stati Uniti intorno al 1960, sperimentato dalla NASA per garantire, agli astronauti, alimenti sicuri,  poiché un effetto negativo sulla salute poteva mettere a rischio l’intera missione nello spazio.

Trent’anni più tardi, nel 1990 la normativa HACCP approda in commissione Europea e quest’ultima emana le regole per la sicurezza alimentare  con la prima Direttiva 43/93/CEE , recepita più tardi in Italia attraverso il Decreto Legislativo 155/97.

Nel tempo per regolamentare i rapporti tra gli OSA operatori settore alimentare, vengono emanate ulteriori Direttive/Regolamenti CE alcune di esse ancora in vigore, tra questi ricordiamo il REG. CE 178/2002 sulla tracciabilità degli alimenti, REG. CE 852/2004 Pacchetto Igiene, REG. CE 853/2004 per i  prodotti di origine animale destinati al consumo umano, REG.CE 2073/2005 per i  criteri microbsicurezza aliemntare haccpiologici applicabili ai prodotti alimentari, quest’ultimi recepiti in Itali con il Decreto Legislativo 193/2007 in attuazione delle direttive su menzionate.

Successivamente altri Regolamenti Europei per il settore alimentare si sono susseguiti, tra questi troviamo  il Reg. CE 1169/2011 per l’ etichettatura degli alimenti e la specifica sugli allergeni. Secondo la nostra esperienza ve ne saranno altre di Direttive Europee volte a regolamentare ulteriormente un settore, quello alimentare,  ad alto impatto per la salute delle popolazioni. L’obiettivo è mettere in condizione il consumatore di fare scelte consapevoli per l’acquisto degli alimenti di qualità e sulla base delle informazioni presenti in etichette.

Il miglior modo per garantire che un prodotto alimentare sia sicuro e di qualità è certificarlo. Le certificazioni utili alle aziende e che possono essere utilizzate nel settore agroalimentare sono diverse, si va dalla Certificazione ISO 22000 per la gestione della sicurezza alimentare alla ISO 22005 per la tracciabilità, dalla certificazione BRC/IFS alla GLOBAL GAP per le aziende agricole.

Salva

PROCEDURE

Quali attività hanno l’obbligo di mettersi in regola con la normativa HACCP? Cosa sono i corsi di formazione HACCP? Queste e altre domande sono basilari per molteplici attività commerciali e produttive e meritano adeguate risposte. ERSAF opera in tutta Italia per fornire ai suoi clienti un servizio di consulenza immediato e completo in materia di HACCP, igiene alimentare e sicurezza sul posto di lavoro.

Dall’igiene alle procedure di autocontrollo HACCP

La consulenza HACCP mette aziende e lavoratori al riparo da errori e sanzioni, garantendo al tempo stesso maggiore sicurezza durante l’intero processo di produzione di un alimento.

Analisi e monitoraggio sono due aspetti essenziali di una consulenza in quanto permettono di verificare il sussistere di determinate condizioni di rischio o pericolo. Altrettanto indispensabile risulta l’attività di formazione del persone, un obiettivo che si può attuare grazie ad appositi corsi di 12, 8 o 4 ore, a seconda della mansione ricoperta dal lavoratore.

ERSAF è in grado di rispondere a queste e altre esigenze con un servizio di consulenza su misura, pensato per una gestione integrata delle scadenze e degli adempimenti burocratici. Il nostro team ha sede a Napoli, ma lavora in tutta Italia ed è a disposizione del cliente finale per sopralluoghi di persona e perizie sul posto. Contattaci per attivare la collaborazione!

 Verifiche ispettive periodiche

In termini di autocontrollo aziendale le verifiche della corretta applicazione del piano risultano effettuate ogniqualvolta si compiono le verifiche ispettive. Nel corso di queste, oltre ad una valutazione visiva del livello igienico dei locali e delle attrezzature, del corretto comportamento degli operatori, del rispetto delle procedure operative, della corretta compilazione della modulistica, vengono effettuati tamponi per l’analisi microbiologica sulle attrezzature utilizzate e prelevati campioni di prodotti alimentari in lavorazione o stoccaggio, così come specificato nel piano di campionamento allegato alla presente sezione.

In caso di esiti analitici non conformi si provvederà  a verificare la corretta applicazione delle procedure operative descritte nel presente manuale adottate per garantire la conformità ai criteri che definiscono l’accettabilità del processo di produzione (controlli delle materie prime, dello stato di igiene dei locali e delle attrezzature, della temperatura e della conservabilità dei prodotti).

Dovrà inoltre essere verificato il corretto funzionamento dei termometri  con un termometro con riferibilità SIT.  Evidenza di tale controllo deve essere registrata sul modulo manutenzione e taratura.

Riesame del piano di autocontrollo

Una volta l’anno il gruppo di lavoro per l’HACCP considera le risultanze emerse nel corso dell’anno circa:

  • Rispondenza della parte documentale con la realtà aziendale
  • Infestanti: risultanze degli interventi della ditta esterna, non conformità riscontrate, reclami ad essi imputabili
  • Prerequisiti aziendali: strutturali e gestionali
  • Personale: coscienza e rispondenza alle procedure
  • Numero e tipologia dei reclami ricevuti
  • Numero e tipologia delle problematiche emerse nel corso dell’anno
  • Non conformità registrate da parte del servizio ASL competente

Si prendono quindi decisioni in merito ad ogni punto e si propongono eventuali modifiche al piano stesso.

 Non conformità ricorrenti

 In caso di non conformità ricorrenti per le quali è chiaro che le azioni correttive messe in atto non sono risultate sufficienti al fine di evitare il ripetersi di dette Non conformità, il gruppo di autocontrollo mette in atto la procedura descritta al paragrafo precedente in via straordinaria analizzando quindi l’intero sistema messo in atto per evitare il ripetersi delle non conformità ricorrenti.

Laboratorio, know how, software, corsi di formazione

Rivolgersi a noi vuol dire poter contare su un servizio di consulenza HACCP qualificato e su un’assistenza rigorosa e puntuale. Oltre alla competenza maturata nel corso degli anni, offriamo alle aziende la possibilità di usufruire del laboratorio interno, attrezzato per le dovute analisi degli alimenti e dei macchinari. Al laboratorio si affiancano i software e gli strumenti tecnici di ultima generazione, garanzia di affidabilità e precisione.

Cerca il tuo ERSAF Point!!!

Gli ERSAF Point sono titolati e selezionati per offrire nel miglior modo tutti i nostri servizi.

Salva